Discussion:
Bundestag: Ill Parlamento tedesco sceglie Linux per 150 server istituzionali
(too old to reply)
unknown
2002-03-02 21:56:28 UTC
Permalink
Una buona notizia dalla Germania, a quando in Italia?


01/03/02 - Flash - Roma - La notizia arriva da Heise Online e riguarda i progressi che sta compiendo Bundestux, la petizione che chiede al Parlamento tedesco di portare l'open source sui sistemi informativi istituzionali. Il Bundestag ha annunciato che dal 2003 su 150 server parlamentari verranno installate "soluzioni Linux".

Si tratta di un importante decisione secondo i sostenitori della petizione, sebbene si accompagni anche alla scelta di dotare quasi 5mila workstation "client" di WindowsXP, il sistema operativo Microsoft.

"In questo modo - ha commentato Steffi Lemke, della IuK-Kommision (Informations- und Kommunikationstechnologie: Tecnlogia dell' Informazione e della comunicazione. La commissione del Parlamento tedesco che si occupa di IT, ndr) - abbiamo cominciato la migrazione verso sistemi OpenSource".

L'idea, in buona sostanza, che i Server E-Mail e i Groupware girino sotto Linux, assieme ai Server di stampa e di condivisione file. I Database e i sistemi di sicurezza useranno invece prodotti OpenSource.
Il sistema ActiveDirectory di Microsoft verr rimpiazzato da OpenLDAP.
Nelle Workstation verr utilizzato Windows-XP come Sistema Operativo, ma verranno installati prodotti office OpenSource (OpenOffice).

"Abbiamo ricevuto numerose proposte a questa variante dagli impiegati", ha spiegato Lemke.

A quanto pare il Parlamento ratificherà la decisione nella seduta del 14 Marzo.
--
Antonino Iacono
---------------
http://spazioweb.inwind.it/giochiweb ICQ #150151607
Utente Linux registrato: #238635 (http://counter.li.org)
Qvwm il mio window manager preferito (http://www.qvwm.org)
"Una vita senza ricerca non e' degna di essere vissuta" (Socrate)
unknown
2002-03-02 16:11:22 UTC
Permalink
Post by unknown
Una buona notizia dalla Germania, a quando in Italia?
Basta un poco di zucchero, e il palo va su, il palo va su.

[posso espandere se c'e` bisogno]
unknown
2002-03-02 23:43:35 UTC
Permalink
Post by unknown
[posso espandere se c'e` bisogno]
Scusate la pesantezza. Staro` piu` attento.

/contrito
unknown
2002-03-03 15:47:07 UTC
Permalink
Post by unknown
Una buona notizia dalla Germania, a quando in Italia?
[omissis]
Post by unknown
Si tratta di un importante decisione secondo i sostenitori della petizione,
sebbene si accompagni anche alla scelta di dotare quasi 5mila
workstation "client" di WindowsXP, il sistema operativo Microsoft.
E questa sarebbe la buona notizia?
150 server con un kernel linux e 5000 (scusate se e' poco) "workstation"
con un sistema operativo proprietario: MS Windows XP, esempio estremo
dell'invadenza perversa di certe multinazionali produttrici di software
(mi riferisco al sistema di installazione _e tracciamento_ degli utenti
e dei loro dati di tale sistema operativo).
Mi domando cosa non vada nelle "workstation" equipaggiate con un sistema
operativo free software.

Mi perplimo.

Ciao.
--
Art and science are free and free is their teaching [IT Const., art.33]
Associazione Culturale MiLUG | Xelera - servizi GNU/Linux
http://www.milug.org | http://xelera.it
mailto:giovanni.biscuolo a milug.org | mailto:g a xelera.it
-------------- parte successiva --------------
Un allegato non testuale è stato rimosso....
Nome: signature.asc
Tipo: application/pgp-signature
Dimensione: 244 bytes
Descrizione: non disponibile
URL: <http://lists.softwarelibero.it/pipermail/discussioni/attachments/20020303/b2f67312/attachment.sig>
unknown
2002-03-03 16:13:32 UTC
Permalink
Mah le abitudini sono difficili da cancellare, piuttosto mi chiedo
perche' non abbiano deciso di stipualre un contratto di licenza aperto e
lasciare scegliere ai singoli parlamentari cosa usare per ora finche'
non sono soddisfatti del livello di linux(o altro OS libero) sui
desktop.
Sarebbe anche un'ottima sperimentazione... ma ricordatevi che MS puo'
anche cedere sui server (che non vede nessuno) ma sui client sarebbe
capace di fare causa ad una nazione visto che i client si vedono (sono
la maggiorparte dei computer) e sono il loro prevalente mezzo
pubblicitario!

Simo.

On Sun, 2002-03-03 at 16:47, Giovanni Biscuolo (Associazione Culturale
Post by unknown
Post by unknown
Una buona notizia dalla Germania, a quando in Italia?
[omissis]
Post by unknown
Si tratta di un importante decisione secondo i sostenitori della petizione,
sebbene si accompagni anche alla scelta di dotare quasi 5mila
workstation "client" di WindowsXP, il sistema operativo Microsoft.
E questa sarebbe la buona notizia?
150 server con un kernel linux e 5000 (scusate se e' poco) "workstation"
con un sistema operativo proprietario: MS Windows XP, esempio estremo
dell'invadenza perversa di certe multinazionali produttrici di software
(mi riferisco al sistema di installazione _e tracciamento_ degli utenti
e dei loro dati di tale sistema operativo).
Mi domando cosa non vada nelle "workstation" equipaggiate con un sistema
operativo free software.
Mi perplimo.
Ciao.
--
Art and science are free and free is their teaching [IT Const., art.33]
Associazione Culturale MiLUG | Xelera - servizi GNU/Linux
http://www.milug.org | http://xelera.it
mailto:giovanni.biscuolo a milug.org | mailto:g a xelera.it
--
Simo Sorce
----------
Una scelta di liberta': Software Libero.
A choice of freedom: Free Software.
http://www.softwarelibero.it
unknown
2002-03-03 22:17:22 UTC
Permalink
Post by unknown
Una buona notizia dalla Germania, a quando in Italia?
perchè non partire anche noi con un'iniziativa del genere?
il sito potrebbe essere "chigitux.it", giusto per mantenere il gioco
di parole fatto dai tedeschi ;-)
io sono webdesigner,e me la cavo benino col php. Sarei felicissimo di
poter dare una mano. Ho anche degli amici che vorrebbero dare il loro
contributo.

bisognerebbe mettere insieme in modo corretto il testo della petizione...
e registrare il dominio...

Che ne dite?

Guido Serra


--
unknown
2002-03-04 09:03:51 UTC
Permalink
E' migliore di quella che mi aspettavo. La realta' e' che c'e' stata una
pressione fortissima per il *tutto* Microsoft, e da quanto so avere
l'infrastruttura server open e' un modo per non chiudere la porta al
software libero (se passavano a ActiveDisorder - ops - ActiveDirectory era
finito tutto...)
Forse sembrero' un venduto, ma ho scoperto che nelle pubbliche
amministrazioni si vincono le guerre guadagnando un piccolo pezzetto di
terra alla volta (e in questo caso non e' cosi' piccolo). Al di la'
dell'articolo di Heise.de, il problema era il porting di un numero
sostanzioso di applicazioni attualmente scritte per Win32, e che non erano
supportate sotto emulazione con Wine.
Sarebbe stato diverso se le applicazioni fossero state scritte in Java,
probabilmente linux avrebbe avuto piu' chances anche sul desktop...
ciao
Carlo Daffara
Post by unknown
Post by unknown
Una buona notizia dalla Germania, a quando in Italia?
[omissis]
Post by unknown
Si tratta di un importante decisione secondo i sostenitori della petizione,
sebbene si accompagni anche alla scelta di dotare quasi 5mila
workstation "client" di WindowsXP, il sistema operativo Microsoft.
E questa sarebbe la buona notizia?
150 server con un kernel linux e 5000 (scusate se e' poco) "workstation"
con un sistema operativo proprietario: MS Windows XP, esempio estremo
dell'invadenza perversa di certe multinazionali produttrici di software
(mi riferisco al sistema di installazione _e tracciamento_ degli utenti
e dei loro dati di tale sistema operativo).
Mi domando cosa non vada nelle "workstation" equipaggiate con un sistema
operativo free software.
Mi perplimo.
Ciao.
--
Art and science are free and free is their teaching [IT Const., art.33]
Associazione Culturale MiLUG | Xelera - servizi GNU/Linux
http://www.milug.org | http://xelera.it
mailto:giovanni.biscuolo a milug.org | mailto:g a xelera.it
unknown
2002-03-04 09:43:43 UTC
Permalink
Post by unknown
E' migliore di quella che mi aspettavo. La realta' e' che c'e' stata una
pressione fortissima per il *tutto* Microsoft, e da quanto so avere
l'infrastruttura server open e' un modo per non chiudere la porta al
software libero (se passavano a ActiveDisorder - ops - ActiveDirectory era
finito tutto...)
Meno male che si respira anche un pò di ottimismo. Personalmente condivido.
Il che non contribuisce molto al thread, ma almeno spero al morale :-)

ciao,
carlo
--
For easier reading please set the Courier font.
Messages larger than 30 KB may not receive immediate attention.
Freedom for Business: http://swpat.ffii.org
unknown
2002-03-04 10:52:50 UTC
Permalink
Il lun, 2002-03-04 alle 10:03, Carlo Daffara ha scritto:
[...]
Post by unknown
Forse sembrero' un venduto, ma ho scoperto che nelle pubbliche
amministrazioni si vincono le guerre guadagnando un piccolo pezzetto di
terra alla volta (e in questo caso non e' cosi' piccolo).
Se lo dici tu.... abbiamo qualche speranza allora :-)
Post by unknown
Al di la'
dell'articolo di Heise.de, il problema era il porting di un numero
sostanzioso di applicazioni attualmente scritte per Win32, e che non erano
supportate sotto emulazione con Wine.
Hai ragione, le cose sono piú complesse.
Ma queste applicazioni sono state scritte apposta per il parlamento
tedesco o sono "da commercio"?
Nel primo caso (almeno vale cosí in Italia) la titolaritá del diritto
d'autore é della pubblica amministrazione, quindi sono gentilmente
pregati di rilasciarli sotto licenza libera e finanziarne il porting.
Nel secondo caso dovrebbero valutare soluzioni alternative libere.

Esagero?

[...]

Ciao.
--
Art and science are free and free is their teaching [IT Const., art.33]
Associazione Culturale MiLUG | Xelera - servizi GNU/Linux
http://www.milug.org | http://xelera.it
mailto:giovanni.biscuolo a milug.org | mailto:g a xelera.it
-------------- parte successiva --------------
Un allegato non testuale è stato rimosso....
Nome: signature.asc
Tipo: application/pgp-signature
Dimensione: 244 bytes
Descrizione: non disponibile
URL: <http://lists.softwarelibero.it/pipermail/discussioni/attachments/20020304/2760305e/attachment.sig>
unknown
2002-03-04 11:01:53 UTC
Permalink
Post by unknown
E' migliore di quella che mi aspettavo. La realta' e' che c'e' stata una
pressione fortissima per il *tutto* Microsoft, e da quanto so avere
l'infrastruttura server open e' un modo per non chiudere la porta al
software libero (se passavano a ActiveDisorder - ops - ActiveDirectory era
finito tutto...)
Checche se ne dica, io la ritengo una vittoria non da poco!
(anche con AD non era tutto finito, c'e' sempre samba che puo' dare una
mano alla riconversione :-)
Post by unknown
Forse sembrero' un venduto, ma ho scoperto che nelle pubbliche
amministrazioni si vincono le guerre guadagnando un piccolo pezzetto di
terra alla volta (e in questo caso non e' cosi' piccolo).
Ma quale venduto? Non si puo' mica pretendere TUTTO e subito!
Post by unknown
Al di la'
dell'articolo di Heise.de, il problema era il porting di un numero
sostanzioso di applicazioni attualmente scritte per Win32, e che non erano
supportate sotto emulazione con Wine.
Sarebbe stato diverso se le applicazioni fossero state scritte in Java,
probabilmente linux avrebbe avuto piu' chances anche sul desktop...
Sarebbe ancora stato neglio se tali applicazioni funzionassero con un
qualsiasi browser lasciando l'elaborazione sui server, non
pregiudicherebbe l'utilizzo con nessun sistema e scaricherebbe molto i
costi di manutenzione!

ciao
Simo.
--
Simo Sorce
----------
Una scelta di liberta': Software Libero.
A choice of freedom: Free Software.
http://www.softwarelibero.it
unknown
2002-03-04 12:58:00 UTC
Permalink
On 04 Mar 2002 12:01:53 +0100, Simo Sorce <simo.sorce a tiscalinet.it> wrote:

[...]
Post by unknown
Sarebbe ancora stato neglio se tali applicazioni funzionassero con un
qualsiasi browser lasciando l'elaborazione sui server, non
pregiudicherebbe l'utilizzo con nessun sistema e scaricherebbe molto i
costi di manutenzione!
Giusto, sempre che non siano state fatte con VBScript lato client (ho visto
anche bestie del genere: c'e' chi converte in "web" i programmi VB in questo
modo!!! :-/ )


ciao
--
Marco Ermini
http://www.markoer.org - ICQ UIN 50825709 - GPG KEY 0x64ABF7C6
Perche' perdere tempo ad imparare quando l'ignoranza e' istantanea? (Hobbes)
unknown
2002-03-04 12:09:34 UTC
Permalink
Post by unknown
Hai ragione, le cose sono piú complesse.
Ma queste applicazioni sono state scritte apposta per il parlamento
tedesco o sono "da commercio"?
Nel primo caso (almeno vale cosí in Italia) la titolaritá del diritto
d'autore é della pubblica amministrazione, quindi sono gentilmente
pregati di rilasciarli sotto licenza libera e finanziarne il porting.
Nel secondo caso dovrebbero valutare soluzioni alternative libere.
Parlo per sentito dire, quindi va preso con beneficio di inventario.
Dovrebbero essere tutte scritte ad hoc; da qui a dire che "sono
gentilmente pregati di rilasciarli... ..e finanziarne il porting" e' parte
del problema. L'omino di microsoft ti dice: "perche' devi pagare per
farne il porting?" specialmente se si tratta di applicazioni basate su
office, o che sono scritte in Visual Basic o altro di equalmente
ininportabile... (confesso che non ho ulteriori informazioni, quindi mi
astengo).
Il problema e': se il porting e' effettuabile a costo zero E la ditta che
ha scritto il software e' disposta a effettuare manutenzione
all'applicazione portata ALLORA il discorso ha senso. Altrimenti la
pubblica amministrazione continua per la sua strada, fintanto che qualcuno
non propone una soluzione che abbia caratteristiche di economicita',
eguale funzionalita' con minimo costo di transizione.
disclaimer: non so come sono andate le cose, quindi sto facendo ipotesi
basate su quello che ho visto in passato...
ciao
Carlo
Continue reading on narkive:
Loading...